Baltic Dry Index. Un indicatore davvero efficace

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram

Table of Contents

Il Baltic Dry Index (BDI) indica quanto costa spedire materie prime – ferro, acciaio, cemento, carbone e così via – in tutto il mondo.

Il Baltic Dry Index è compilato quotidianamente da The Baltic Exchange. Per calcolare l’indice, i membri del Baltic Exchange valutano i costi dei principali spedizionieri del mondo per trasportare i materiali attraverso 22 diverse rotte in tutto il mondo.

Per assicurarsi che ottengano una visione completa dell’intero settore navale quando si esaminano i vari costi di spedizione, la Borsa Baltica esamina i costi per ciascuna delle seguenti quattro dimensioni di navi:

  • Capemax ( 10% della flotta globale ): navi in ​​grado di trasportare oltre 100.000 tonnellate di carico ma troppo grandi per attraversare il Canale di Panama
  • Panamax ( 20% della flotta mondiale ): navi che possono trasportare 60.000-80.000 tonnellate di carico e possono entrare nel canale di Panama
  • Handymax, o Supramax ( 40% della flotta globale ): navi che possono trasportare 45.000-59.000 tonnellate di peso.
  • Handysize ( 30% della flotta globale ): navi che possono trasportare 15.000-35.000 tonnellate di peso.

Perchè è interessante per un investitore

Il Baltic Dry Index è un indicatore perfetto per quantificare la domanda globale di materie prime.

Il fatto che il Baltic Dry Index si concentri sulle materie prime è importante perché offre uno sguardo sul futuro. I produttori acquistano materie prime quando vogliono iniziare a produrre prodotti finiti e infrastrutture, come automobili, macchinari pesanti, strade, edifici e così via.

I produttori smettono di acquistare materie prime quando hanno un eccesso di scorte e fermano i progetti infrastrutturali. In genere, la domanda di materie prime aumenta quando le economie globali stanno crescendo.

Per gli investitori, sapere quando l’economia globale è in crescita è utile perché ciò significa che i prezzi delle azioni, i prezzi delle materie prime e il valore delle valute basate sulle materie prime dovrebbero aumentare. Al contrario, se la domanda di materie prime diminuisce è possibile che le economie globali si stiano bloccando o contraendo. Inutile dire quanto sia significativo sapere quando l’economia globale si sta contraendo.

Il Baltic Dry Index è un indicatore convincente perché difficile da manipolare.

Ciò che influenza il Baltic Dry Index è la fornitura di navi disponibili per spostare materiali in tutto il mondo. È difficile manipolare o distorcere questa fornitura perché ci vogliono anni per costruire una nuova nave che potrebbe essere messa in servizio per aumentare l’offerta, e costerebbe troppo lasciare vuote le navi nel tentativo di ridurre l’offerta ( tanto per capirci tenere in mare una super-petroliera costa circa 100k dollari al giorno ). Nessuno pagherà per prenotare una nave cargo Capemax se non la utilizzerà davvero.

Come interpretare il Baltic Index

L’indice in genere aumenta di valore all’aumentare della domanda di materie prime e diminuisce di valore al diminuire della domanda di materie prime.

Quando sale:

  • Le economie globali stanno iniziando o continuano a crescere
  • Le aziende stanno iniziando o continuano a crescere
  • I prezzi delle azioni dovrebbero iniziare o continuare ad aumentare di valore
  • I prezzi delle materie prime dovrebbero iniziare o continuare ad aumentare di valore
  • Il valore delle valute legate alle materie prime, come il dollaro canadese (CAD), il dollaro australiano (AUD) e il dollaro neozelandese (NZD), dovrebbe iniziare o continuare ad aumentare di valore.

Quando scende:

  • Le economie globali stanno iniziando o continuano a contrarsi.
  • Le aziende stanno iniziando o stanno continuando a contrarre l’offerta.
  • I prezzi delle azioni dovrebbero iniziare o continuare a diminuire di valore.
  • I prezzi delle materie prime dovrebbero iniziare o continuare a diminuire di valore.
  • Il valore delle valute legate alle materie prime, come il dollaro canadese (CAD), il dollaro australiano (AUD) e il dollaro neozelandese (NZD), dovrebbe iniziare o continuare a diminuire di valore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su