Prezzo petrolio e quotazioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram

Contenuti dell'articolo

Cos’è il petrolio “crude oil”

Il termine inglese “crude oil” intende riferirsi alla materia prima grezza ovvero il petrolio appena estratto dai pozzi.

Al termine “crude” si affiancano diversi aggettivi:

  • Sweet o Sour – che indicano il grado di contenuto solforoso nel petrolio. Uno weet crude oil è migliore rispetto al secondo perchè ne derivano prodotti finiti migliori.
  • Light o Heavy – che indicano la densità del petrolio. Un petrolio Light è meno costoso da lavorare e raffinare.

L’unità di misura del petrolio è il barile. 1 Barile corrisponde a 42 Galloni USA ovvero 159 litri. La massa è di circa 140 kg.

Differenza tra petrolio “WTI” e “BRENT”

I due tipi di petrolio più famosi e importanti a livello mondiale sono il Brent e il WTI.

La differenza primaria fra i due è geografica:

  • il Petrolio WTI è estratto negli Stati Uniti d’America, texas e Luisiana soprattutto;
  • il petrolio Brent è estratto nei mari del nord.

Entrambi sono petrolio di alta qualità e vengono denominati per questo “light and sweet” ovvero ideali per essere raffinati e trasformati in prodotti finiti. Il Brent è migliore per la produzione di Diesel mentre il WTI per la produzione della benzina.

Il Mix dei due crea il benckmark per il valore del petrolio prodotto nelle altre parti del mondo.

Naturalmente non possiamo non citare l’OPEC, un organismo fondato negli anni 60 per contrastare lo strapotere del USA nella produzione e lavorazione del petrolio; molto conosciuto anche dai non addetti ai lavori per la sua notevole importanza geopolitica.

Sostanzialmente rappresenta la maggior parte dei produttori di petrolio mondiale dell’area Africana, Mediorientale e Sud Americana. Controllando circa il 50% della produzione, controlla di riflesso anche le oscillazioni di prezzo aumentando o diminuendo l’estrazione giornaliera.

Petrolio “Brent oil”

Il brent è il petrolio più diffuso ed è considerato un benckmark per tutti i prodotti “oil” mondiali. Essendo prodotto vicino al mare il suo trasporto è meno costoso del WTI e questo incide sul prezzo. D’altro canto è a più alto contenuto di zolfo e questo lo rende più costoso da raffinare.

Petrolio “WTI”

E’ il riferimento per il petrolio degli USA. E’ più “sweet” del Brent e storicamente il suo valore è sempre stato superiore al Brent per due ragioni: una è il “quality spread”. Il WTI è migliore dal punto di vista dei residui solforosi, è un petrolio più sweet del Brent. L’altra ragione è la posizione geografica che influisce sui prezzi di trasporto e stoccaggio.

Storicamente il Brent è sempre stato più economico del WTI ma la primavera araba che ha destabilizzato i paesi medio orientali e la corsa all’estrazione dello Shale Oil degli USA hanno modificato gli equilibri dei due tipi di Petrolio. I prezzi hanno progressivamente cominciato ad invertire il loro rapporto. Dal 2011 il WTI ha iniziato a quotare meno del Brent.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su