Contango e Backwardation

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram

Contenuti dell'articolo

Capire due termini così tecnici può sembrare una cosa utile solo ad un professionista della finanza ma non è assolutamente vero.

Ti dico subito che esistono due piani di approfondimento dei concetti legati al contango: uno per investitori e per tutti coloro che vogliono investire da soli i propri risparmi e mira ad evitare di “subire” il contango (perchè se non si conosce può generare perdite inconsapevoli e impreviste), l’altro più approfondito per i trader che vogliono approfittare del contango usandolo a proprio vantaggio per speculare e guadagnarci.

I Futures e La Curva Forward

Il future (o derivato finanziario) è un contratto che obbliga due parti (un venditore e un compratore) a scambiarsi una quantità predefinita di un sottostante (asset finanziario o bene fisico) ad una certa data futura (scadenza) e ad un certo prezzo. Questi future vengono quotati in borse regolamentate. Se cerchi le quotazioni di un qualunque future noterai che vengono quotate contemporaneamente diverse scadenze sullo stesso sottostante. Ogni contratto ha le sue scadenze tipiche, non hanno la stessa frequenza. Ad esempio il future sul petrolio ha scadenze ogni mese, il Mib italiano e tutti gli altri future su indici finanziari hanno scadenze trimestrali (marzo, giugno, settembre, dicembre).

Ogni future (con una scadenza diversa) pur avendo come oggetto lo stesso bene, ha un prezzo diverso per il solo fatto di scadere in date diverse. Se uniamo i prezzi di tutti i futures dello stesso sottostante nelle diverse scadenze otterremo una curva che chiameremo “curva forward”.

Il prezzo “spot”

Si indica come “spot” il prezzo attuale a cui viene scambiato un bene sul mercato (il prezzo a cui puoi acquistare l’asset oggi).

Il prezzo del future diverge dal prezzo spot fino al momento della scadenza. Di quanto è diverso? Dipende da alcune variabili che vanno sommate al prezzo spot, ovvero: le aspettative di eccessi di domanda e di offerta, il tasso di interesse privo di rischio (o costo dell’investimento), i costi di trasporto e stoccaggio.

Ne consegue che più il future si avvicina a scadenza e più il suo prezzo tende ad essere uguale al prezzo “spot” e che più la scadenza è lontana più i costi di mantenimento aumentano, alzando i prezzi dei futures a scadenze lontane.

Il Contango

Qual’è il rapporto tra i due prezzi forward e spot? Normalmente la curva forward è sopra il prezzo spot per i motivi sopra descritti e i prezzi dei futures sono crescenti all’ aumentare della scadenza. Quando la curva dei prezzi è in questa condizione si dirà che è in Contango. Ma ci sono alcuni eventi che portano il prezzo spot sopra i prezzi del future creando il fenomeno dell inversione della curva o Backwardation. I prezzi del future a scadenze vicine diventano maggiori nelle scadenze lontane.

La backwardation non è la condizione “normale” della curva, il contango lo è! Normalmente sussite un certo equilibrio fra domanda e offerta generando una curva in contango ma se arriva uno shock nella domanda di un certo bene si può verificare il fenomeno dell’inversione della curva o appunto backwardation. L’acquirente è disposto a pagare di più per avere l’immediata disponibilità del bene. Per accaparrarsi il diritto ad averlo comprerà il future che salirà di prezzo fino ad ottenere l’effetto per cui il prezzo del contratto che scade prima (front month) sarà più elevato del prezzo del contratto successivo (back month).

Si verifica solo per le scadenze più vicine? Magari le prime due? La risposta è dipende. Dipende da quanto si ritiene duraturo questo eccesso di domanda. L’effetto della salita del prezzo della scadenza più vicina può creare un effetto domino ed innalzare progressivamente tutta la curva anche nelle scadenze più lontane.

Il Super Contango

Facciamo alcuni esempi interessanti che posso incidere direttamente sull’operatività speculativa o sulle mosse del buon investitore.

Nel 2020 è scoppiata la pandemia di coronavirus – covid19 – che ha portato ad una paralisi improvvisa delle attività produttive ed economiche di tutto il mondo con un effetto devastante sulla domanda di beni propedeutici alla produzione. Primo fra tutti il petrolio.

Ci si è trovati in un improvviso eccesso di offerta. La produzione petrolifera non si può fermare da un giorno all’altro con la diretta conseguenza dell’aumento violento delle quantità di petrolio stoccato e non utilizzato. Ciò ha provocato nelle scadenze di Aprile e Maggio un effetto di Super contango per lo squibrio fra offerta e domanda ovvero la differenza di prezzo fra i due contratti ha raggiunto e per un breve momento superato, il 100%! Un evento mai visto prima e completamente imprevisto. Il contratto con scadenza aprile è arrivato a valere 0. Perchè?

Perchè chi detiene il contratto a scadenza è costretto ad acquistare il petrolio fisicamente non solo sulla carta e nessuno lo voleva. Non c’era necessità di immediato utilizzo e i magazzini erano pieni. (I Sauditi sono stati costretti ad affittare superpetroliere dai prezzi di affitto vertiginoso per risolvere il problema della penuria di spazi di stoccaggio per il surplus di greggio). Per non vedersi costretti a ricevere fisicamente questo petrolio i traders sono stati disposti a regalare e in taluni momenti a “pagare” affinchè qualcuno predesse questi contratti future. Un contratto è andato a 0 mentre il successivo quotava circa 20$…incredibile.

La Backwardation

E veniamo ad un esempio di backwardation.

Ti voglio mostrare cosa è accaduto sempre nel periodo di crisi del 2020 durante la pandemia nel crollo vertiginoso dei mercati finanziari fra fine febbraio e marzo.

Facciamo una premessa. Esiste un indice che misura la paura degli investitori e il rischio percepito sui mercati finanziari. Questo indice prende il nome di Volatility Index o VIX (l’indice della paura, volgarmente detto). Indica la volatilità attesa dei prossimi 30 giorni. Notoriamente se il mercato è in salita la volatilità tende ad abbassarsi, se il mercato scende tende ad alzarsi. Se il mercato è in crollo e la paura domina il Vix decolla letteralmente.

In un mercato tranquillo la curva forward del VIX è in contango. I prezzi futuri sono più alti di quelli attuali per il semplice motivo che acquistare il vix è come stipulare un’ assicurazione e come tale è un costo mantenerla in portafoglio. I prezzi più alti delle scadenze future scontano eventi imprevisti futuri che potrebbero aumentare le oscillazioni giornaliere e far scendere i mercati.

Ma quando il mercato scende e l’evento paura si verifica ecco che il VIX inizia a salire. I portafogli vanno coperti ORA non in un futuro incerto e la volatilità sale alle stelle fino al panico. Ecco un eccesso di domanda. Tutti vendono i titoli azionari. Tutti vogliono assicurarsi contro il crollo del mercato che sta avvenendo e non si sa quando e dove finirà!

Vediamone l’evoluzione in 3 momenti precisi. I giorni prima della pandemia, pochi giorni dopo le prime notizie, in pieno panico da “fine del mondo”

Contango ,ETF e costi occulti

In pratica a cosa serve sapere cos’è il contango? Serve per risparmiarsi pessimi investimenti. Chi non è suffientemente capace o strutturato o capitalizzato e volesse investire chessò nel petrolio o nel gas naturale penserebbe subito a qualche prodotto finanziario facilmente acquistabile o economico come un ETF. Parrebbe a prima vista un’ottima idea per sfruttare un eventuale salita del gas naturale durante l’anno. Parrebbe, perchè chi conosce le dinamiche del contango sa che per sfruttare un etf sul gas si deve operare solo in momenti di forte esplosione del sottostante, pena l’erosione costante dell’investimento.

Vi mostro qui il grafico dell’etf sul Natural Gas:

Ecco l’effetto devastante del contango: l’investimento tende a 0 se escludiamo alcune fiammate del valore del gas naturale che hanno fatto salire il prezzo ma anche fatto riscendere altrettanto velocemente.

L’etf investe sul contratto a scadenza breve e ricompra alla scadenza il contratto successivo con l’inevitabile effetto di sobbarcarsi il costante costo di stoccaggio, trasporto ecc…..il contango appunto!

Di esempi come questo ne potrei fare a decine ma mi fermo qui perchè ritengo di aver chiarito bene di cosa stiamo parlando.

Conclusioni

Tutto quello che è stato detto, tutti i concetti che ho cercato di rendere il più semplici possibile visto che qui le argomentazioni accademiche non ci interessano ma solo ciò che è propedeutico all’investire in modo consapevole, è utile per capire che mantenere un investimento nel lungo periodo in strumenti finanziari con un marcato contango come la stra grande delle commodities, può avere un costo più o meno importante; un costo che comunque va tenuto in debito conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su